Reddito di cittadinanza: il Caf illustra tappe e condizioni per accedere al beneficio
Primo passo la richiesta dell’Isee, presso una delle sedi in tutta Italia

  • 22/02/2019

Il Caf Confesercenti si sta preparando all'appuntamento con i cittadini interessati dal Reddito di cittadinanza. I Centri di assistenza fiscale, infatti, possono avere un duplice ruolo nell'iter d'accesso al beneficio: per la preparazione dei documenti che ne attestano i requisiti e nella raccolta delle domande.

"Innanzi tutto consigliamo - spiega il Caf-Confesercenti - di verificare se si rientra nei parametri necessari, ossia "essere cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in via continuativa, avere un Isee inferiore a 9.360 euro annui e un patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30 mila euro annui, un patrimonio finanziario non superiore a 6 mila euro, incrementabili in base alla composizione del nucleo. Sono escluse: famiglie in cui siano presenti soggetti disoccupati che hanno presentato dimissioni volontarie negli ultimi 12 mesi dalla presentazione della domanda, fatte salve le dimissioni per giusta causa".

"Dopo aver appurato di avere i requisiti occorre dimostrarlo - sottolinea - attraverso la Dichiarazione sostitutiva unica, valida ai fini Isee. Recandovi in una delle nostre sedi potrete avere il documento in breve tempo. Dopo, potrete consegnare la domanda a uno dei nostri Caf e poi dovrete attendere la comunicazione dell'Inps di accoglimento o rigetto; in caso di accoglimento, sarà possibile ritirare la Carta Rdc ed il relativo Pin". "Il Reddito di cittadinanza - aggiunge il Caf-Confesercenti - viene accreditato, mensilmente sulla carta, una normalissima prepagata di Poste Italiane, a partire dal mese successivo a quello di presentazione della domanda. La carta si può utilizzare per: fare alcune spese di beni di consumo; pagare utenze; prelevare mensilmente contanti pari a 100 euro moltiplicati per la cosiddetta "scala di equivalenza", un parametro in base al numero e alla tipologia dei componenti la famiglia (es. se il parametro della scala di equivalenza è pari a 2,1 il massimo che si può prelevare è 210 euro); effettuare un solo bonifico mensile per il pagamento del canone di locazione della casa di abitazione o per il pagamento della rata del mutuo. Il beneficio è riconosciuto per la durata di 18 mesi e può essere rinnovato per ulteriori 18 mesi, previa sospensione dell'erogazione del beneficio di un mese prima di ciascun rinnovo".

"Ricordiamo ancora che entro 30 giorni dall'eventuale accoglimento della domanda, tutti i componenti il nucleo devono rendere la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID), tranne minorenni, soggetti con disabilità (disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, accertata dalle commissioni per il riconoscimento dell'invalidità civile, invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33% accertato dall'INAIL, non vedenti, sordomuti, invalidi di guerra), solo qualora non sia previsto il collocamento mirato e soggetti già occupati oppure che frequentano un regolare corso di studi o di formazione ed i soggetti con carichi di cura (cosiddetti "caregiver") qualora si occupino di componenti familiari minori di tre anni o disabili gravi e non autosufficienti".

"Successivamente - conclude il Caf-Confesercenti - il beneficiario verrà contatto dai Centri per l'impiego per individuare il percorso di formazione o reinserimento lavorativo da attuare. Entro i primi 12 mesi di validità del provvedimento potrà arrivare un'offerta di lavoro potrà arrivare nel raggio di 100 km - 100 minuti di viaggio. Se viene rifiutata, la seconda offerta potrà arrivare nel raggio di 250 km e se anche questa viene rifiutata la terza offerta potrà arrivare da tutta Italia. Per le famiglie con persone con disabilità le offerte di lavoro non potranno mai superare i 250 km".

Questo l'Iter:
IN QUESTO MESE VENITE AL CAF PER L'ISEE: necessario procurarsi il proprio l'indicatore della ricchezza patrimoniale.
6 MARZO Rdc-DAY: giorno in cui cominceremo ad accettare le domande.
INIZIO APRILE: il Ministero invierà le domande all'Inps che in pochi giorni dovrà verificare i requisiti e comunicherà l'eventuale accoglimento con una e-mail o con un Sms. La comunicazione arriverà anche alle poste che, in un tempo stimato in circa 10 giorni, fisserà la data dell'appuntamento nella quale ci si dovrà presentare ad uno specifico ufficio postale per ritirare la Card.
FINE APRILE: si stima che le prime domande avranno la disponibilità del reddito di cittadinanza sulla Card entro la fine del mese di aprile.
APRILE-MAGGIO: entro 30 giorni dalla mail o sms dell'Inps che conferma l'accoglimento della domanda tutti i componenti della famiglia considerati adatti al lavoro (da 18 ai 65 anni se non studiano e non sono disabili) devono rivolgersi ad un Centro per l'Impiego o ad un patronato convenzionato con l'Anpal per firmare la "Did", la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro.
6 MAGGIO: a partire dal 6 di ogni mese si ricomincia. Le domande presentate saranno poi raccolte alla fine del mese e dopo l'iter di verifica consentiranno di ricevere il reddito alla fine del mese successivo.
DA AGOSTO-SETTEMBRE: previsto, dopo l'estate, l'arrivo dei primi tutor - i 'navigator'. Saranno loro a 'guidare' chi ha chiesto il reddito di cittadinanza alla ricerca di un nuovo lavoro o all'attivazione di un percorso di formazione".

Se ritenete di poter beneficiare del sussidio contattateci per iniziare con noi il percorso che vi darà la possibilità di beneficiare del Reddito di cittadinanza. Scoprite la sede più vicina a voi!